Foschi (all. Lecco): Gli episodi hanno deciso il risultato ma era una gara che poteva finire tranquillamente sull’1-1

0
45

Si fa attendere in sala stampa Mister Foschi e quando si presenta ai cronisti evidenzia gioia e soddisfazione per l’importante vittoria. Gli si chiede subito degli episodi sfavorevoli ai padroni di casa e così risponde: “Non ho rivisto gli episodi. In diretta mi è sembrato che la spinta di Ogunseye fosse evidente.  Dopotutto c’è il var, l’arbitro e se il Foggia ha subito un torto è giusto che si arrabbi. Passando alla gara siamo partiti non bene però poi ci siamo subito ripresi ed abbiamo disputato un buon primo tempo. Purtroppo ho dovuto fare i conti con gli infortuni e nella ripresa ho pensato fosse meglio inserire una mezzala di ruolo e provare a ripartire. Ardizzone si è stirato dopo pochi minuti. Entrato Lakti che veniva da un infortunio ma dovevamo fare i conti con un centrocampo  rabberciato. Purtroppo giocare ogni tre giorni diventa complicato però ci inventiamo le streghe per spostare le pedine e trovare la soluzione migliore senza perdere gli equilibri. Nel 2° tempo abbiamo perso le distanze al cospetto di una squadra che ci ha messo all’angolo spinto dal pubblico meraviglioso che ha incitato i suoi per 90’ e oltre e li applauditi anche se usciti sconfitti. Vanno davvero ammirati ed elogiati.  Gli episodi hanno deciso il risultato ma era una gara che poteva finire tranquillamente sull’1-1. Noi abbiamo fatto grande fatica e pagato quelle precedenti però è chiaro che sono contento della vittoria. Siamo stati bravi e fortunati o a tenere botta ma non abbiamo mai rinunciato. A 5’ dalla fine siamo arrivati in attacco e prendere punizione. Che poi è risultata decisiva. I ragazzi hanno voglia di farsi largo. Quando dovevano incontrarci hanno sempre festeggiato prima ancora di giocare. I ragazzi hanno voluto dimostrare di non essere vittima sacrificali ma protagonisti. E stanno facendo qualcosa di fantastico. La partita si è sporcata nel 2° tempo. Noi cercavamo di chiudere ogni varco ma ci sono mancati nei cambi le soluzioni e un po’ le gambe. Soprattutto nella prima parte della ripresa. Poi si sono abbassati i ritmi ed abbiamo coperto bene, prestando attenzione sui cross e sui tiri da lontano ma siamo stati bravi a superare quel momento. Ovvio che è stato merito del Foggia se ci hanno costretto a stare nella nostra metà campo. Dobbiamo migliorare molto nella gara di ritorno se vogliamo arrivare in fondo. Possibilità di vittoria ? Le stesse che ha il Foggia. I playoff hanno detto finora che non ci sono risultati scontati. I nostri exploit di Pordenone e Cesena insegnano. Come dico sempre non c’è una squadra più forte di un’altra. Al momento siamo in vantaggio 2-1 ma guai a pensare di gestire il risultato. In casa o fuori in queste situazioni bisogna sapere che si affronterà un avversario col dente avvelenato. Al traguardo mancano 90’ dove ci sarà da lottare e sudare e dobbiamo essere bravi a non sbagliare niente”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here