More

    Il regalo per San Valentino da parte dell’Allianz Pazienza sono i due punti!

    “Perduto è il tempo che in amor non si spende”. E allora, nella festa dell’Amore, nulla è perduto se si tifa per l’Allianz… Pazienza. Non c’è tempo perso nel vedere giocare a casa propria la Cestistica che, in questo ‘dolce’ infrasettimanale, supera nettamente la Civitus Allianz Vincenza 85-66 (riscattando la brutta sconfitta all’andata). Un incontro giocato con la giusta concentrazione già dalla prima frazione e proseguito col piglio della grande squadra, sia dal punto di vista offensivo che difensivo, nel periodo successivo (30-16). Dopo la pausa ai Neri, dovendo fare i conti anche con i pesanti ko di Pierotti e Pazin, è bastato, come al solito, stringere i denti e gestire il vantaggio nonostante qualche minimo tentativo dei veneti di riacciuffare i propri rivali.

    Due vittorie nel giro di pochi giorni sono la dimostrazione dell’impegno e dell’enorme lavoro di un gruppo che, anche a fronte delle difficoltà, non ha mai trovato scuse e ha sempre dimostrato coesione e compattezza. Anche stasera, l’atteggiamento di chi è sceso in campo si è dimostrato unico nell’onorare la casacca, segno non solo di rappresentanza di un’intera cittadinanza ma anche – se vogliamo in questa giornata speciale – d’amore. Amore e orgoglio: questa è la Cestistica per San Severo, questo rappresenta San Severo per la Cestistica. Perseguiamo su questa strada senza mai stancarci, “perdiamo tutto” oggi (ritornando all’aforisma di Torquato Tasso) per guadagnare le giuste soddisfazioni domani. E buona festa di San Valentino a tutti!

    DAL 1’ al 20’ – Startingfive consueto per l’Allianz Pazienza: Pierotti, Magrini, Pazin, Gatto e Fall contro i cinque scelti da Cilio: Antonietti, Cernivani, Terenzi, Cucchiaro e Riva. L’inizio della partita tra Cestistica e Vicenza non è male, con gli ospiti che trovano subito la via del canestro grazie a Terenzi. Pierotti risponde col tiro da tre punti, seguito da Riva e ancora Terenzi, con Fall e Pazin che portano il punteggio sul 7-6 a favore di San Severo. Finora, entrambe le squadre si concentrano sui loro punti di forza, attraverso il solito gioco corale da parte della Cestistica che libera occasionalmente un giallonero (come nel caso della tripla di Magrini), mentre gli ospiti affidano il pallone a centimetri dei lunghi sotto canestro. Sul 12-8, coach Manuel Cilio è costretto a richiamare i suoi giocatori perché vede una Cestistica aggressiva e un atteggiamento opposto dal quintetto veneto. Dopo le parole dell’allenatore, Fall continua a essere dominante sotto le plance e segna il suo sesto punto della serata su 14 totali per San Severo. Poco dopo, Mattia Magrini lo raggiunge, portando gli ospiti a una distanza di 9 punti, ma Cernivani risveglia i suoi con un tiro da lontano e Terenzi dimezza lo svantaggio sotto il ferro (17-13). Fall segna un tiro libero su due e Guastamacchia aggiunge un canestro dall’area per concludere il primo parziale sul 20-13. L’asse argentino Frattoni (da assistman) e Pierotti, che conclude con un tiro da tre punti, produce i soliti tre punti e, nell’azione immediatamente successiva, Petrushevski appoggia facilmente in contropiede per il 23-15, seguito da un immediato timeout dell’altra squadra dell’Allianz. È ancora il capitano di Vicenza, Cernivani, a tentare di reagire con due i punti cercando anche di dare una scossa emotiva ai suoi compagni, ma è come neve al sole in quanto Pierotti segna la sua seconda bomba su quattro tentativi e porta il punteggio dei padroni di casa a quota 28. In un momento positivo per la Cestistica, Vicenza prova a reagire con determinazione, segnando tutti i suoi punti dall’area e cercando di avvicinarsi ai suoi avversari e di spostare il momento positivo dalla sua parte. Tuttavia, anche questo tentativo viene prontamente respinto perché San Severo segna rapidamente sei punti consecutivi ‘ammazzando’ non solo il suo avversario sul piano numerico ma anche, e forse soprattutto, sul piano psicologico. Infatti, il secondo parziale parla chiaro: 50-29 anche se l’unica nota preoccupante (speriamo non sia così tanto grave) è l’uscita dal campo di Stefano Pierotti a causa di un problema alla caviglia.

    DAL 21’ al 40 – E’ Ambrosetti a realizzare il primo canestro della frazione, così come Frattoni penetra in area con coraggio segnando, successivamente colpisce Brambilla da lontanissimo e poco dopo è ancora il capitano dell’Allianz Pazienza, Mattia Magrini, a replicare dai 6.75. Almeno in questo inizio di quarto, la Civitus è leggermente più reattiva ed è il motivo per il quale lo svantaggio non aumenta. San Severo, però, dopo l’uscita di Pierotti è costretta a fare a meno anche di Pazin; due tegole che potrebbero destabilizzare l’ambiente. Infatti, verso la metà di frazione, viene fischiato fallo antisportivo a Petrushevski e coach Nunzi, per calmare le acque, opta per una sospensione salutare. Ora il compito dei dauni è di congelare gli animi e il cronometro per non mandare in ritmo gli avversari che, proprio come dichiarato il l’head coach alla vigilia, sarebbero molto pericolosi. Dopo il minuto chiarificatore, e altri instanti di nervosismo dovuti ai tanti fischi chiamati dal duo arbitrale, la tripla di Frattoni, l’1/2 dalla carità di Magrini, i quattro di Guastamacchia e il tapin di Tchintcharauli tolgono le castagne dal fuoco e provano a ridare quel minimo di serenità che basta per giocarsi gli ultimi 10’, sebbene permanga l’impressione di avere gli ospiti sempre pronti a reagire: 66-48. I primi tre minuti dell’ultimo periodo sono il frutto degli errori da ambo i lati; solo Ambrosetti mette a segno il punto numero 50 dei veneti guidati da Cilio che hanno il merito, nonostante un tabellone eloquente, di non demordere e provare ad impensierir i diretti concorrenti. A 5’ dalla fine, però, le energie sia fisiche che mentali vengono meno e l’Allianz Pazienza ne approfitta giocando sia col punteggio che con il cronometro. E così, gli ultimi istanti della ventiquattresima giornata di B passano inesorabilmente senza grossi patemi d’animo per i padroni di casa e per i propri sostenitori che, nel giorno di San Valentino, non hanno mancato all’appuntamento. Si conclude la gara sul: 85-66.

    IL CALENDARIO – Domenica 18 febbraio si va al PalaLumEnergia di Lumezzane contro la LuxArm. Si salta alle 18.


    FOTO: 
    Antonio Giammetta 

    Ufficio Stampa Cestistica Città di San Severo

    ARTICOLI CORRELATI

    Commenti

    Share article

    spot_img

    Ultimi articoli

    Newsletter

    Iscriviti alla newsletter per restare aggiornato!