More

    Il ruggito dell’Allianz Pazienza contro Ravenna! Ritorno alla vittoria per i Neri

    Una pura boccata d’ossigeno (nonostante il solito finale per deboli di cuore) e la certezza di aver strappato due punti importanti per il proprio cammino contro un avversario non semplice e blasonato come l’Orasì Ravenna. Guardando il 73-70 del “Falcone e Borsellino” l’Allianz Pazienza può ritenersi soddisfatta perché, oltre meramente alla vittoria che rinvigorisce la classifica, tale successo può darle la spinta per il proseguo della stagione. La spinta, quella sul parquet, l’hanno data tutti i giocatori gialloneri chiamati a rispondere ‘presente’ soprattutto nel secondo tempo (in particolare nell’ultima frazione) dopo un primo tempo giocato bene ma, in ottica parziali, sempre in leggero svantaggio in dal primo. Negli ultimi istanti di match, infatti, i Neri hanno dimostrato tutto il proprio orgoglio e l’attaccamento alla maglia recuperando lo svantaggio, portandosi avanti e restando concentrati sino alla fine nonostante le arrembanti giocate di Ravenna.

    Certo, la condizione fisica dei Neri non è ancora al meglio e la vittoria interna non rappresenta a tutti i costi la ‘fine’ di un periodo opaco. Tuttavia, era importante tornare a gioire davanti al proprio pubblico (e al calore delle scuole, un’iniziativa che sembra coinvolgere tutta la comunità sanseverese). Ed è legittimo, almeno per questa serata, gioire ed essere felici per la prestazione che ha portato al successo. Respiriamo a pieni polmoni e prendiamo fiato per le prossime gare; ne avremo bisogno. Sei forte, Allianz! E oggi lo hai dimostrato.

    DAL 1’ al 20’ – Si parte con Pierotti, Magrini, Pazin, Gatto e Fall da un lato e Dron, Rastelli, Panzini, Ferrari, Bedetti e Onojaife. Non si parte con i canestri ma con i falli fischiati, come i due fischiati a Gatto, in due minuti di gioco (più uno all’entrante Petrushevski e Magrini). Pazin, però, decide di sbloccare lo 0-0 e ne segna cinque di fila (uno dall’area e dai 6.75) mentre Ravenna si sblocca solo con Bedetti, Fall fa valere il suo peso specifico in area e segna il tapin e dall’altra parte Rastelli insacca la prima tripla di serata per un 7-5 e la schiacciata di Ferrari riequilibra tutto. Se Pazin prova a staccarsi grazie alla sua seconda realizzazione da lontanissimo c’è subito pronta la reazione di Onojaife che fa +2 ed è tutto, costantemente, equilibrato. A 2’ dalla fine del primo quarto coach Nunzi manda nella mischia il neo arrivato Frattoni considerato anche una situazione di infrazioni non propriamente idilliaca ma è l’Orasì, sul finale, a portarsi in vantaggio e si conclude il primo quarto sul: 16-18. Pronti? Via con Frattoni (i primi due punti per lui in giallonero) e Pazin per il 21-18 e l’immediata sospensione di Coach Bernardi che scuote i suoi. Dall’interruzione però ne esce meglio sempre la Cestistica che continua a produrre il suo gioco grazie ai punti di Pierotti e Tchintcharauli per un +6 e primo mini vantaggio dei Neri. Ferrari e Onojaife interrompono il momento di empisse dei romagnoli e dimezzano lo svantaggio, Tchintcharauli si fa spazio in area e segna, Panzini contrattacca dalla distanza, Tchintcharauli prosegue nelle sportellate sotto canestro e Onojaife lo imita sino alla bella realizzazione di Petrushevski da tre (35-30). Come si può immaginare, a metà di frazione, il match inizia ad esserle piacevole con rapide giocate da ambo i lati e soprattutto mettendo in atto la propria pallacanestro ossia San Severo in un gioco corale, mentre gli ospiti puntano più ad andare sotto il ferro e guadagnarsi punti facili ed infatti sono in vantaggio: 35-36.

    DAL 21’ al 40 – Dovrebbe essere l’Allianz Pazienza ad attaccare ed invece, dopo il canestro semplice di Bedetti, i padroni di casa perdono il pallone troppo facilmente e Magrini (nell’economia di una partita complessa in ottica falli) commette la sua terza penalità. La tripla di Gatto toglie leggermente le castagne dal fuoco e riporta a -2 lo svantaggio ma è sempre Bedetti a mettesi in mostra grazie alla sua specialità dalla casa (40-45). Nunzi ferma i giochi anche se, a mancare, è la precisione che con lo scorrere del cronometro non aiuta ed infatti chi attacca con convinzione e produzione è solo Ravenna. Tchintcharauli da uno scossone ai suoi compagni in campo con la schiacciata del -5 proprio come Petrushevski, Guastamacchia e Pazin per il soprasso sanseverese 51-49 che chiude il terzo quarto. Tchintcharauli apre l’ultima frazione con quattro punti ravvicinati ma la tripla di Dron, i due punti di Paolin e quelli dell’ex De Gregori ribaltano nuovamente tutto: 55-59 ed immediato timeout di Luciano Nunzi. Il rischio, per San Severo, è di dover velocizzare a tutti i costi le giocate ed in questo modo a beneficarne è solo la formazione di coach Bernardi (55-63). Proprio sul più bello degli attacchi romagnoli, l’Allianz Pazienza mostra l’orgoglio e rispondere con le bombe di Magrini e Pazin per il 61-65 e questa volta sono gli ospiti a fermare tutto. Fall prosegue nella missione aggancio, Dron centra da lontanissimo e poco dopo è Pazin ad eseguire la medesima azione per gli ultimi minuti conclusivi, come sempre, da vivere col pathos. Magrini, dalla lunetta, fa 2/2, l’Orasì sbaglia nell’azione successiva, ½ di Gatto dalla carità, Bedetti entra in area e segna, Pierotti è spietato in lunetta e Dron, questa volta, non riesce a colpire dalla lunghissima distanza e di fatto sancisce la vittoria dell’Allianz Pazienza: 73-70.

    IL CALENDARIO – Appuntamento a domenica 4 febbraio al PalaRuggi di Imola contro l’Andrea Costa. Consueto salto a due alle ore 18.

    IL TABELLINO – Allianz Pazienza San Severo – OraSì Ravenna 73-70 (16-18, 19-18, 16-13, 22-21)

    Allianz Pazienza San Severo: Djordje Pazin 21 (3/5, 5/10), Roman Tchintcharauli 14 (7/7, 0/0), Yande Fall 8 (4/7, 0/0), Stefano Pierotti alles 7 (2/4, 0/2), Mattia Magrini 7 (0/0, 1/4), Gianluca Frattoni 5 (2/4, 0/2), Goce Petrushevski 5 (1/2, 1/2), Tommaso Gatto 4 (0/1, 1/2), Arcangelo Guastamacchia 2 (1/5, 0/3), Fabio Montanari 0 (0/0, 0/0), Luca Colombo 0 (0/0, 0/0), Balsa Kaludjerovic 0 (0/0, 0/0)

    Tiri liberi: 9 / 13 – Rimbalzi: 29 6 + 23 (Yande Fall 8) – Assist: 23 (Stefano Pierotti alles 10)

    OraSì Ravenna: Francesco Bedetti 16 (5/6, 0/3), Alessandro Ferrari 12 (5/9, 0/1), Gabriel Dron 11 (1/2, 3/5), Francesco Paolin 9 (3/3, 1/2), Ivan Onojaife 8 (3/5, 0/0), Tommaso De gregori 8 (3/6, 0/1), Marco Restelli 3 (0/1, 1/4), Lorenzo Panzini 3 (0/1, 1/3), Allegri Lorenzo 0 (0/0, 0/0), Matteo Guardigli 0 (0/0, 0/0)

    Tiri liberi: 12 / 16 – Rimbalzi: 26 5 + 21 (Ivan Onojaife 8) – Assist: 9 (Francesco BedettiGabriel DronMarco Restelli 2)

    FOTO: Antonio Giammetta 

    Ufficio Stampa Cestistica Città di San Severo

    ARTICOLI CORRELATI

    Commenti

    Share article

    spot_img

    Ultimi articoli

    Newsletter

    Iscriviti alla newsletter per restare aggiornato!