More

    In ricordo di Gigi Riva, il ‘Rombo di tuono’

    articolo di Roberto Levantaci

    Il primo malore nella giornata di ieri, la corsa in ospedale, gli accertamenti. Il secondo alle 19:30 di oggi, proprio quando il TG5 tranquillizzava tutti. Gigi Riva sta bene, nulla di preoccupante. La Supercoppa italiana tra Napoli e Inter si apre invece con la terribile notizia. Il fato domina il nostro destino, gran parte della vita è fuori del nostro controllo. Si è spento all’età di settantanove anni il più forte attaccante del calcio italiano di tutti i tempi. Rombo di tuono, una leggenda del calcio, il numero undici del Cagliari, colui che ha regalato l’unico scudetto a tutta l’isola più di cinquant’anni fa. Gigi Riva non è stato semplicemente la bandiera del Cagliari, è stato il Cagliari. Con quella maglietta rossoblu allacciata al collo, due spalle così, un sinistro che mortificava i portieri avversari. Lombardo di nascita, sardo nel sangue. L’isola non l’ha mai abbandonata, neanche quando i milioni di lire offerti da mezza Italia hanno provato a fargli cambiare idea. Altri tempi, un calcio decisamente diverso. Chissà se uno come lui l’avrebbe giocata la Supercoppa italiana a quattromila chilometri di distanza, solo in nome del Dio danaro. Riposa in pace Rombo, indimenticabile goleador, straordinario atleta, uomo d’altri tempi. Ci mancherai.

    ARTICOLI CORRELATI

    Commenti

    Share article

    spot_img

    Ultimi articoli

    Newsletter

    Iscriviti alla newsletter per restare aggiornato!