More

    La Virtus Francavilla e il girone C raccontato da Alessandro Zanzico

    intervista di Vincenzo Nannavecchia

    La Redazione Sportiva Wesport24 ha raggiunto telefonicamente, per una interessante chiacchierata, Alessandro Zanzico amico e collega oltre che esperto giornalista sportivo di Antennasud da sempre vicino ai colori Biancoazzzuri che segue da vicino con abnegazione, professionalità e tanta qualità.

    Carissimo Alessandro, da giornalista sempre vicino ai colori della Virtus Francavilla, qual è il segreto di questa giovane squadra allenata dall’emergente Alberto Villa?
    Penso che in questi casi il segreto sia innanzitutto la progettazione, da sempre punto forte della società, ma anche la chiarezza con la quale alla vigilia di ogni stagione il presidente parla, spiegando quello che è l’obiettivo del suo club, ovvero il mantenimento della categoria. Per quanto possa sembrare scontato, non è da tutti riuscire ad evitare la costruzione di castelli di sabbia dopo tutti questi anni passati a testa altissima fra i professionisti“.

    Qual è secondo te, il grado di difficoltà di questo campionato di serie C con tante piazze blasonate e tanti capoluoghi di Provincia?
    È indubbiamente un girone, quello meridionale, molto ben livellato. Manca una vera e propria formazione ammazza-campionato, come negli anni scorsi lo sono stati Catanzaro, Bari, Ternana e Reggina, ma ci sono tante squadre che posso ambire al primo posto. Penso che si lotterà fino alla fine e che questo campionato si dimostrerà impronosticabile fino all’ultimo“.

    A quasi metà girone di andata, possiamo dire che la classifica generale quanto fatto in estate dai vari club nella costruzione dei vari roster oppure ci sono squadre rivelazione e squadre che stanno deludendo?
    Ci si aspettava indubbiamente qualcosa in più da corazzate come Catania e Crotone, a mio avviso fra le big del girone C. Ma anche altre grandi sono partite in sordina, come Avellino e Benevento, che ora stanno giustamente riprendendo terreno. Non mi aspettavo un avvio così prepotente da parte di Juve Stabia, Latina e Foggia, che di sicuro meritano il podio che stanno ad oggi occupando“.

    Abbiamo gustato un’anteprima in Coppa Italia del derby provinciale storico Virtus Francavilla-Brindisi. Quanto sarà entusiasmante rivevere tale emozione per la prima volta, in Campionato?
    Essendo un derby tanto atteso era inevitabile che ci sarebbe stato tutto quell’entusiasmo, ma in campionato mi aspetto un coinvolgimento ancor più grande. Del resto la posta in palio era sì considerevole, ma di sicuro non più alta dei tre punti ci saranno quando Brindisi e Virtus si ritroveranno in campionato“.

    Da esperto giornalista e sempre vicino al Francavilla un messaggio che vuoi a tutti i tifosi e simpatizzanti in genere della Virtus?
    Sicuramente di continuare ad avere fiducia nel proprio presidente, un vero uomo di sport ed una persona sincera, oltre che un serio professionista. Non immagino una Virtus senza Magrì e affinché questo connubio continui ad esistere, dovrà esistere contestualmente anche la fiducia della tifoseria nei suoi confronti. Quella di Francavilla è una piazza che dall’oggi al domani si è ritrovata fra i protagonisti dopo un salto pazzesco, in questi casi è naturale pensare che sia scontato ciò che si ha ormai da anni, ma avere una realtà del genere in pianta stabile in Lega Pro non è affatto scontato”.

    ARTICOLI CORRELATI

    Commenti

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here

    Share article

    spot_img

    Ultimi articoli

    Newsletter

    Iscriviti alla newsletter per restare aggiornato!