More

    L’Italia, in un San Nicola gremito,  sbaraglia Malta 4-0 e si prepara al big match contro i leoni inglesi

    articolo di Marco Iusco

    La Puglia arride alla Nazionale italiana e nello specifico al popolo barese e a tutti coloro che sono giunti dalla provincia per seguire e sostenere l’azzurro. In una settimana in cui il calcio italiano è stato colpito da un nuovo caos legato al calcio scommesse ed a quello che potrà scaturirne in base al corso delle indagini, in occasione della prima giornata di ritorno  della qualificazione ai prossimi Europei, la nostra Nazionale ha regalato calcio-spettacolo ai presenti e a coloro che l’hanno vista mediante le tv o ascoltata in radio. A fine agosto, con le dimissioni di Roberto Mancini, la situazione era disastrosa ed il clima deprimente, ma il nuovo Commissario Tecnico, Luciano Spalletti ha ridato vigore, idee e sta iniziando a far vedere quella luce in fondo ad un tunnel che non molto tempo fa, ci ha visto ancora fuori da una competizione internazionale, senza però dimenticare che l’Italia è anche la campione uscente dell’Europeo scorso. Allora, in quel del San Nicola, completamente esaurito, è andata in scena, un nuovo pezzetto di storia sportiva con l’Italia che ha battuto per 4 a 0 Malta, non la prima del ranking, perché l’avversaria big arriva martedì prossimo, ma lo ha fatto, divertendo e provando la giocata, individuale e collettiva. Di fronte a Spalletti c’era Marcolini, ex giocatore del Bari di Eugenio Fascetti, salutato con un lungo applauso dalla Curva Nord.   

    GARA: BONAVENTURA E BERARDI SHOW, FRATTESI FIRMA IL POKER – Le marcature sono state aperte al 23′ da Giacomo Bonaventura, dopo che ci aveva provato già nei primi dieci minuti, ha realizzato un gol a giro che non ha lasciato scampo al portiere maltese. Quasi a fine primo tempo, è salito in cattedra, la punta del Sassuolo, Domenico Berardi con un altro bel gol, su passaggio vellutato di Barella. Nella ripresa, gli Azzurri hanno ripreso con veemenza a cercare trame di gioco e mettere sotto gli avversari che si difendevano a cinque ed a tratti anche a sette con i due della mediana, ma nulla hanno potuto contro la furia di Berardi, autore di una doppietta e secondo gol in corsa, dopo un batti e ribatti, l’attaccante della nazionale azzurra è arrivato in corsa con un siluro che ha perforato difensori e portiere, inerme di fronte al tiro chirurgico. Di lì a poco Spalletti ha preferito sostituirlo per preservarlo in vista della prossima battaglia tra poco più di 48 ore ed allora tra i subentrati è spuntato, un altro giocatore di grande prospettiva, Frattesi, di proprietà dell’Inter, il quale ha rilevato il suo compagno di club, appunto Barella, che ha trafitto dal limite della stanza il portiere maltese che sarà uscito, lo scriviamo scherzosamente, con un forte mal di testa, per i numeri tiri subiti a velocità impressionanti. Contro l’Inghilterra servirà un’Italia perfetta nel trovare la profondità, così come ha asserito lo stesso Spalletti in conferenza stampa, post-gara. A Wembley contro i Leoni inglesi, servirà la gara della vita anche se non è decisiva ma conta. L’Italia ora vanta dieci punti con dieci gol realizzati e quattro subiti, rispetto agli otto fatti e sette subiti dell’Ucraina con gli stessi punti ed una gara in più. Di sicuro, oltre il risultato ampio giunto, Bari ha dato un segnale anche in vista della candidatura condivisa accettata dall’Uefa di Italia e Turchia, perché nei prossimi anni si opterà per il quarto e quinto stadio che saranno assegnati, visto che tre sembrano esserne quasi già certi, Milano, Roma e lo Stadium della Juventus. Ma a prescindere da ciò che sarà, l’aver assistito ad inizio gara che i tifosi di casa hanno applaudito all’inno degli avversari è un altro bello spot per il calcio. (Ph. Tess Lapedota)

    TABELLINI & PAGELLE

    Marcatori: 22′ Bonaventura, 46′ p.t., 63′ Berardi, 93′ FrattesiI

    TALIA (4-3-3): Donnarumma 6; Darmian 6, Mancini 6.5, Bastoni 6.5, Dimarco 6 (79′ Udogie 6.5); Barella 6.5 (65′ Frattesi 7), Locatelli 6.5, Bonaventura 8 (87′ Biraghi s.v.); Berardi 8 (65′ Orsolini 6), Raspadori 6.5, Kean 6 (79′ Scamacca s.v.). Ct. Spalletti 8.

    MALTA (3-5-2): Bonello 4.; Apap 5, Pepe 4, Z. Muscat 5.5; J. Mbong 5 (66′ Attard 5), Yankam 5 (84′ Nwoko s.v.), Guillaumier 5, Kristensen 5.5 (66′ N. Muscat 5.5), Camenzuli 5; P. Mbong 5 (84′ Paiber s.v.), Montebello 5 (55′ Satariano 5.5). Ct. Marcolini 5.5.Arbitro: Strukan (Croazia)Ammoniti: P. Mbong (M), Yankam (M), Apap (M)

    Note: 56.186 spettatori per 1milione di euro di incasso.

    ARTICOLI CORRELATI

    Commenti

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here

    Share article

    spot_img

    Ultimi articoli

    Newsletter

    Iscriviti alla newsletter per restare aggiornato!