More

    Pesante sconfitta per il Brindisi contro la Casertana

    articolo di Vincenzo Nannavecchia

    Al Franco Fanuzzi di Brindisi si è giocato, davanti ad un festoso pubblico brindisino e un centinaio di tifosi campani, la partita di serie C tra le due matricole di questo campionato e dominata totalmente dalla Casertana. Il primo tempo di chiara marca ospite si apre al minuto 7 con un batti e ribatti in area di rigore sugli sviluppi di una punizione il tiro di Anastasio colpisce il palo oltre che in netto fuorigioco. Un’azione degna di nota di matrice Brindisina un tiro dalla distanza abbastanza pericoloso di Malaccari. Per il resto un Brindisi assente. Invece una Casertana che pigia sull’acceleratore e trova il vantaggio al minuto 22 con Tavernelli. Al minuto 28 raddoppio con l’esperienza di Montalto. Allo scadere del primo tempo esattamente al minuto 44 un fallo ingenuo in piena area di rigore da parte di Bizzotto permette alla Casertana di usufruire di un calcio di rigore, si incarica della battuta Mirko Carretta che realizza. Il primo tempo il tabellone luminoso parla Brindisi-Casertana 0-3. Un Brindisi privo di idee una Casertana determinata e padrona del campo oltre che un portiere ospite inoperoso. Il secondo tempo si apre con un triplo cambio di Mister Ciro Danucci, entrano Ceesay, Bunino e Lombardi al posto di Petrucci, Valenti e Capitan Malaccari. Ma purtroppo la musica non cambia anzi la Casertana al minuto 18 del secondo tempo cala il poker con Proietti. Al minuto 22 occasione ghiotta per il Brindisi con Bunino che lancia, da posizione ravvicinata, una vera bomba, il portiere della Casertana Venturi si rifugia in angolo. Sugli sviluppi dello stesso Bunino di testa a giro ribadisce in rete per quello che poi diventa risultato definitivo. Brindisi-Casertana1-4. Nel finale al minuto 37 del secondo tempo Cancelli sotto gli occhi del direttore di gara si becca il secondo giallo, viene espulso lasciando in inferiorità numerica la squadra Adriatica. La classifica adesso diventa davvero pesante e a fine gara il pubblico fischia e contesta la squadra per lo scarso impegno. Adesso sarà una settimana di fuoco perché giovedì nel turno infrasettimanale ci sarà la lunga trasferta di Messina e domenica 29 ottobre alle ore 20,45 il tanto atteso derby contro il Monopoli e poi il recupero con il Catania. Adesso bisogna fare quadrato, leccarsi le ferite ed invertire la tendenza. Principalmente dopo il ritrovato professionismo che mancava da 13 anni.
    In sala stampa si è presentato solo il Direttore Generale Pierluigi Valentini. A partire da oggi il Brindisi in silenzio stampa. Lo stesso ha dichiarato “Siamo tutti colpevoli della prova indegna di questo pomeriggio. Nessuno escluso e neanche chi più chi meno. Chiedo scusa a tutti i partner commerciali e ai tifosi che giustamente pagando il biglietto vogliono il massimo impegno da parte dei propri beniamini. Non bisogna eccessivamente contestare. Inoltre, bisogna cambiare i fischi in applausi. Quindi a partire da giovedì dalla lunga trasferta di Messina bisogna fare punti e sudare la maglia con maggiore impegno sia degli over oltre che dai giovani. La prestazione deve partire dalla sufficienza. Anche perché il campionato è lungo e la classifica corta e recuperabile” – ha concluso.

    ARTICOLI CORRELATI

    Commenti

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here

    Share article

    spot_img

    Ultimi articoli

    Newsletter

    Iscriviti alla newsletter per restare aggiornato!