More

    Rossi: “Dobbiamo essere più padroni del campo ma c’è tanto da lavorare”

    Il Foggia domani torna in campo per affrontare il Giugliano allo Zaccheria nella terzultima gara del campionato. Questa mattina ha parlato mister Delio Rossi che ha analizzato la gara:

    “Sicuramente non sarà facile tornare a sedersi sulla panchina del Foggia, ci saranno tante emozioni, fermo restando che una volta che fischia l’arbitro penserò solo alla partita. Ho avuto una grande predisposizione del gruppo e questo è basilare ed hanno voglia di lavorare quindi è gratificante. La gara di Messina con il risultato ha dato autostima anche se c’è tantissimo da lavorare ma il tempo è poco. Questa è una situazione in cui non si può entrare a gamba tesa ma bisogna dare sicurezza su quello che hanno dato e aggiustare qualcosa. Per il mio modo di intendere il calcio siamo lontani. Il problema non è migliorare la condizione fisica ma dare qualche certezza tattica. Più passerà il tempo e più migliorerà anche la condizione fisica. Non posso attualmente incidere dal punto di vista fisico. Se le cose andavano bene non cambiavano tre allenatori, significa che c’è una situazione che non è andata per il verso giusto e si cerca di porre rimedio solo che si deve fare un passo alla volta. L’ho detto quando sono arrivato che non basta solo il fatto che sia tornato Delio Rossi e si risolvono tutti i problemi, mi sto adoperando e ce la farò ne sono convinto. Ho ancora bisogno di conoscere bene il gruppo soprattutto nei momenti di difficoltà. Domani mi auguro che la partita sia leggermente migliore rispetto all’altra. Abbiamo visto il Giugliano ma noi dobbiamo essere più padroni del gioco indipendentemente dagli avversari. Non possiamo giocare a specchio ma dobbiamo migliorare il nostro sistema di gioco. Recupera Petermann, Di Noia è squalificato, Vacca e Di Pasquale sono ancora fermi. Devo pensare ai calciatori che ho a disposizione. Quello che mi ha sorpreso è la predisposizione nel mettersi a disposizione e questo mi fa piacere. Ci vorrebbe un pizzico di serenità in più, lo so che non è facile ma ci sono gruppi che se li sproni in una certa maniera dimostrano e altri devi supportarli tu e questo gruppo mi sembra che debba essere supportato per avere una reazione. Non è facile conoscendo la passione e il tifo del Foggia, non è facile tifare se le cose non vanno bene ma questo fa la differenza secondo me. E’ giusto contestare la squadra che non dà il massimo ma se si dà il massimo e non si fa risultato è diverso. Ho parlato con tutti i calciatori ma le cose devo vederle con i miei occhi. Non voglio dare per scontato certe cose perchè in passato è andata male. Ho chiesto al Presidente di farmi lavorare con il gruppo avendo carta bianca. Non posso spendere energie in telefonate e conferenze perchè questo mi porta via tempo. Il Presidente l’ho sentito dopo Messina e ieri sera. Lo sa che se ha bisogno sono sempre pronto a parlare con lui. Devo far si che il Foggia possa giocare un buon calcio e fare risultati. Sono stato fortunato perchè non ho visto il caos in questa settimana. Se non va ad interferire con il mio lavoro può stare nello spogliatoio chiunque ma ora non vedo situazioni particolari. Dobbiamo andare in campo e cercare di essere dal punto di vista tecnico e tattico superiore al Giugliano. Molte volte il risultato non rispecchia ciò che si è visto in campo. Sono proiettato molto sul presente e non sul futuro. Non guardo la classifica della Serie C perchè non ha senso guardare gli altri. Devo fare il meglio possibile giorno dopo giorno poi vedremo a che posizione saremo arrivati alla fine. Una cosa alla volta piano piano qualcosa di buono la tiriamo fuori”.

    ARTICOLI CORRELATI

    Commenti

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here

    Share article

    spot_img

    Ultimi articoli

    Newsletter

    Iscriviti alla newsletter per restare aggiornato!