More

    Schenetti: “Necessario reagire in questo momento difficile ma daremo il massimo”

    Con la trasferta di Avellino alle porte, il Foggia si presenta in sala stampa con il suo numero 7 Andrea Schenetti, il centrocampista classe 91′ alla seconda stagione con i satanelli si è messo a disposizione dei media e queste sono le sue parole:

    “Domani con l’Avellino sarà una partita di coppa ma che non dobbiamo sicuramente sottovalutare, anche perché sappiamo benissimo quanto sia sentita. Il mister farà le sue scelte, siamo consapevoli di venire da un periodo non molto positivo e a maggior ragione la coppa può ridonarci fiducia per il proseguo del campionato. I soli due punti guadagnati in quattro partite quando giochi qui a Foggia sono pochi, quindi dobbiamo prenderci le nostre responsabilità e fare di più. Andando ad analizzare gli ultimi quattro impegni, penso che con il Benevento abbiamo fatto una partita di grande spessore così come il primo tempo a Crotone, con Picerno e Sorrento potevamo e dovevamo fare di più perciò sarà necessario comprendere gli errori commessi e dare il massimo già da domani. In questo momento penso sia sbagliato attribuire la colpa a qualcuno in particolare, noi giocatori non dobbiamo sicuramente trovare alibi o addossare responsabilità ad altri. Nei momenti di difficoltà il gruppo deve rimanere ancora più unito e affrontare le sfide con coraggio cercando di venirne fuori, piangersi addosso ora è inutile. Saranno due trasferte difficili, contro due squadre molto forti come Avellino e Juve Stabia ma ci teniamo a far bene in entrambe e reagire dopo questo brutto periodo. Abbiamo commesso principalmente errori di attenzione, come testimonia il non brillantissimo primo tempo fatto con il Sorrento dove nonostante fossimo in controllo del gioco abbiamo subito goal per colpa di qualche errore di posizionamento, non possiamo permettercelo e miglioreremo sicuramente sotto questi aspetti. Giuste le critiche, ma ai tifosi mi sento di dire che proveremo a reagire per dimostrargli che abbiamo voglia di fare di più. Rispetto all’anno scorso ho iniziato molto meglio, conosco bene la piazza e mi sento di dover dare qualcosa di più, sto provando a trasmettere ai nuovi arrivati cosa significa giocare per il Foggia conoscendo ormai bene certe dinamiche, perciò mi piace mettermi davanti anche in questi momenti difficili. Mi trovo ovviamente meglio a giocare tra le linee ma naturalmente è relativo in base a come la squadra interpreta la partita, alla fine decide il mister ma l’importante sarà mostrare un gioco fluido e dinamico. I dati non mentono, purtroppo la mancanza del goal è sotto gli occhi di tutti, spesso riusciamo a costruire l’azione in maniera perfetta magari sbagliando l’ultimo passaggio o la conclusione a rete, ci stiamo lavorando per diventare più determinati e cinici sotto porta. Mister Cudini si confronta molto con noi e ha spesso dei colloqui con più giocatori, ma alla fine quello che prende le decisioni è lui e vanno rispettate, non nego che sabato non ero molto contento della sostituzione poiché a parer mio potevo dare ancora qualcosa ma l’ho accettato vista anche la qualità dei giocatori che sono subentrati. Questo momento delicato mi ricorda molto il periodo successivo alla sconfitta con il Monterosi e alle dimissioni di mister Somma, lì siamo stati bravi a reagire e proveremo a ripeterci quest’anno anche perché abbiamo tutte le carte in regola per farlo.”

    ARTICOLI CORRELATI

    Commenti

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here

    Share article

    spot_img

    Ultimi articoli

    Newsletter

    Iscriviti alla newsletter per restare aggiornato!