More

    Serie B: tanti pareggi e nessuna vittoria interna, si gioca il turno infrasettimanale

    articolo di Marco Iusco

    Nella sesta giornata di campionato della serie B non ha inciso il fattore casa, sei pareggi e quattro vittorie esterne ad evidenziare il grande equilibrio e livellamento tra le squadre. Lo stesso Parma capolista nel turno contro la Samp, ha faticato e pareggiato nel finale. Prima vittoria per la Reggiana di Sandro Nesta, mentre vittoria a sorpresa del Cosenza al “Barbera” contro il Palermo di Corini. Infine, un pari pirotecnico al San Nicola, tra Bari e Catanzaro.

    SEGNO “X” DIFFUSO E NESSUNA VITTORIA INTERNA – Si è sempre scritto ed asserito che il fattore casalingo incide, è vero ma di fatto mai come in questa stagione regna grande equilibrio e per le squadre che giocano in trasferta è quasi più facile tentare di giocare con atteggiamento più “garibaldino” portando a casa in determinati casi anche il colpaccio. Partendo proprio dal Cosenza che nell’anticipo della sesta giornata ha sbancato il “Barbera” di Palermo portandosi momentaneamente in zona playoff, all’ottavo posto. Solo un pari a reti bianche tra Brescia e Venezia, ma non sono mancate da ambo le parti le occasioni per vincere il match, con i lombardi che dopo tre gare hanno sette punti mentre i lagunari restano al secondo posto con dodici punti a meno due dal Parma primo. Partita intensa e spettacolare tra Cremonese ed Ascoli, con marchigiani che rimontano lo svantaggio due volte, nella formazione lombarda ancora in rete Coda che mette a segno una doppietta. Colpo esterno del Pisa di Aquilani che si impone a casa della Feralpisalò, ultima in classifica con un punto. Pareggio a reti bianche al “Braglia” di Modena tra la squadra emiliana ed il Lecco, quest’ultimo ancora a secco di vittorie. La Ternana di Lucarelli in casa propria dilapida la prima vittoria facendosi pareggiare nel tempo di recupero da Casiraghi del Sudtirol. Vittoria esterna ma anche la prima per la squadra guidata dall’ex Campione del Mondo, Nesta ai danni di uno Spezia sempre più in crisi irreversibile, ed ultima in classifica assieme a Lecco e Feralpisalò. Domenica si è chiusa la sesta giornata due pari ed una vittoria esterna: tra Bari e Catanzaro, i giallorossi guidati dall’ex Vincenzo Vivarini dopo essere andati in svantaggio hanno recuperato e si sono portati sull’1 a 2 ma il Bari ha pareggiato i conti nella ripresa mentre il Parma, a meno di sei minuti dal triplice fischio ha pareggiato contro la Sampdoria; infine, ha chiuso il tabellone di tutte le gare, Cittadella-Como con i lombardi che si sono imposti con un perentorio 0 a 3 ai danni dei veneti.

    SI TORNA IN CAMPO PER IL TURNO INFRASETTIMANALE –  Già da questa sera si torna in campo con sei sfide, di cui due alle 18.15. La prima sfida in agenda è tra la rivelazione Cosenza contro la Cremonese del bomber Coda. Sempre allo stesso orario (18.15) c’è anche Lecco-Feralpisalò, con la squadra che se dovesse vincere lo scontro diretto salvezza staccherebbe l’ultimo posto in classifica. Alle 20.30 c’è un interessante Ascoli-Ternana. Allo stesso orario scende in campo la squadra di Nesta, ovvero la Reggiana che sfida Aquilani, due squadre propositive e difficilmente si assisterà ad una gara noiosa. Sempre questa sera ci sarà anche Spezia-Brescia, Sudtirol- Modena ed infine il big match tra Venezia e Palermo, rispettivamente la seconda e quinta in classifica con in palio punti pesantissimi sebbene si è ancora all’inizio del campionato. Mercoledì chiuderà la giornata, il Catanzaro che affronta lo Spezia, il Como in casa contro la Sampdoria ed infine il match del “Tardini” tra Parma e Bari, con i ducali a caccia del consolidamento del primato e dall’altra parte i biancorossi della seconda vittoria stagionale. (Ph. U.C. Sampdoria).

    ARTICOLI CORRELATI

    Commenti

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here

    Share article

    spot_img

    Ultimi articoli

    Newsletter

    Iscriviti alla newsletter per restare aggiornato!